26 November 2010

qui è altrove

René Magritte - La condition humaine, 1934
settimana pesante che ancora deve finire. E, cosa da non crederci, lo dico proprio nel mio giorno santo: il venerdì! Ma tant'è...
L'altro ieri mi arriva la telefonata dall'ospedale, e la signora, all'altro capo del filo, m'informa gentilmente che la mia operazione è fissata per il 3 dicembre alle 13.00. Fin qui tutto bene. Lo sapevo che prima o poi mi avrebbero chiamato.
Solo che la mia testa e il corpo, credo che non l'abbiano presa molto bene. Lei è distratta, direi quasi assente. Lui è stanco, molto stanco e vorrebbe solo dormire. Così dimentico tutto, ma proprio tutto, non sono concentrata e soprattutto sono esausta. Stanno cercando di comunicarmi qualcosa quei due e credo anche di aver capito di cosa si tratta: ho paura e sono in ansia.
Lo so (e mi ripeto), l'operazione in sè non è complicata e durerà un'oretta circa, e fondamentalmente risolverà un problema per me divenuto insopportabile. Resta il fatto che, se togliamo qualche punto in pronto soccorso da bambina e il parto qualche anno fa, non ho esperienze di prima mano con l'ospedale ed è questo a mettermi ansia. Se penso all'anestesia, poi, mi angoscio ancora di più. Considerato il tipo d'intervento, insieme all'anestesista abbiamo deciso per la spinale. Sì, d'accordo, non è la totale, ma sempre anestesia è. E il non essere più in controllo di me stessa, mi spaventa davvero. Mi addormenteranno, anche perchè non mi sembra il caso di fare la House de noartri, e assistere alla mia operazione! Quindi in quell'ora io sarò altrove mentre mi accade qualcosa. Ecco questo continua a farmi strano...
Per l'intanto pare che la mia testa mi stia allenando all'ubiquità: sono qui ora, ma anche no, visto che cerco costantemente d'inseguire i miei pensieri che il più delle volte sono più veloci di me e non riesco ad acchiappare...
Basterà?!

7 comments:

mamadu said...

Sister stai tranquilla, vedrai che andrà tutto bene. Lo so che sembrano parole campate in aria, ma pensa al fine di questa cosa...lo hai detto tu stessa ...risolverai un problema diventato ormai insopportabile....e poi dormirai, pensa se avessi dovuto assistere in diretta!!! STAI CALMAAAAAAAAAAAAAA:)) Ti voglio bene:)

nonsisamai said...

buffo, e' molto probabile che saremo in una sala operatoria praticamente contemporaneamente. io pero' assistero' alla mia "operazione" ;)

fabdo said...

carlè, lo so, lo so e d è proprio quello che mi dà coraggio :)
ti voglio bene :-)

emanuela, be' la tua "operazione" è un evento imperdibile!!! un abbraccio e resta come sei: tranquilla! :-)

mara said...

Di qualunque operazione si tratti ti mando il mio in bocca al lupooo!!!:)

Simona said...

L'importante e' che sei tranquilla da due punti di vista: dopo l'operazione starai meglio; durante l'operazione sei nelle mani di persone delle quali ti fidi. In bocca al lupo e facci sapere come e' andata.

palbi said...

super succes !

(spero di aver beccato la parola giusta che la mia conoscenza dell'olandese si limita alla tua legenda)

fabdo said...

mara, grazie!

Simona, è questo a darmi forza, infatti... Non mancherò!

palbi, bentrovata! Grazie, grazie, hai detto bene!! :)

Ti potrebbero anche interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...