10 May 2012

nazionalità olandese/2: promossa!

sono appena rientrata a casa e fra la posta vedo una busta formato A4 con lo stemma inconfondibile del Rijk/Regno. Ho capito subito che si trattava dell'esito del mio esame. Infatti la lettera era del Ministero dell'Istruzione, Cultura e Scienze. Cuore in gola. Praticamente rullava come fosse un tamburo. Ho buttato borsa e giacca a terra e ho immediatamente aperto la bustona. Leggo, leggo fino a trovare la desiderata parolina: GESLAAGD=PROMOSSA!!!!!
Yeiiiiii ho urlato e mi sono messa a fare una specie di danza della vittoria. Poi mi sono calmata e ho ripreso la lettera e il certificato in mano e li ho letti e riletti nel dettaglio. Mi sono commossa. Questa per me è una grandissima soddisfazione.
Qui da tempo tutti mi fanno i complimenti per il mio olandese. Mi fa piacere sentirmelo dire, ma tante volte penso che me lo si dica solo per educazione. Alla base di questa insicurezza c'è la mia paura di perdermi qualcosa. Nonostante mi sia imposta da subito ad imparare l'olandese, restano sempre delle zone d'ombra che riguardano le sfumature. Personalmente credo che ottima per quanto possa essere la padronanza di una lingua straniera, ci sono delle sfumature appunto, delle sottigliezze, dei modi di dire, che possono essere espressi e condivisi efficacemente solo nella lingua madre, e di mamma si sa ce n'è una sola.
Spesso quindi mi chiedo avrò comunicato/tradotto bene quello che volevo dire come lo intendevo io o è venuta fuori un'altra cosa? O ancora, ho capito bene quello che mi è stato detto?
Ora, in un certo senso, ho la conferma ufficiale che la mia conoscenza di questa lingua è buona. Su quel certificato c'è scritto nero su bianco che ho sufficiente conoscenza della lingua olandese parlata e scritta al livello B1 (secondo il CEFR ovvero quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue) e una chiara ed evidente conoscenza della cultura e degli usi e costumi olandesi così come previsto dalla legge nazionale sull'integrazione.
Non la faccio più grande di quanto è. Sono davvero orgogliosa di me stessa per questo risultato chè è un riconoscimento alla mia volontà e tenacia.
Cittadina italiana ci sono nata, è facile. Cittadina naturalizzata ho deciso di diventarlo, per questo c'è orgoglio nel guadagnarsi questo diritto.
Ora non mi resta che andare al Comune e presentare tutti i documenti.
Per l'intanto lasciatemi gongolare ancora un pò in questo stato di grazia. Ci aggiorniamo chè "Un cuore, due bandiere" continua...

No comments:

Ti potrebbero anche interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...